Traffico Navale AIS

Il sistema è basato su AIS (Automatic Identification System). A partire dal dicembre 2004, l’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) richiede che tutte le navi superiori a 299GT(stazza lorda) o 300 tonnellate e tutte le navi passeggeri, indipendentemente dalle dimensioni, devono installare un transponder AIS a bordo, che trasmetta la loro posizione, velocità e ovviamente, alcune informazioni statiche come il nome dell’imbarcazione le dimensioni e dettagli del viaggio. Lo scopo principale del sistema AIS è di aiutare le navi ad evitare collisioni, e permettere alle autorità portuali di controllare al meglio il traffico marittimo. Il Transponder AIS a bordo delle navi include un ricevitore GPS (Global Positioning System), che raccoglie la posizione e dettagli del movimento. Esso include anche un trasmettitore VHF, che trasmette periodicamente le informazioni su due canali VHF (frequenze 161,975 MHz e 162.025 MHz) e rende questi dati disponibili al pubblico dominio. Altre navi e le stazioni base sono in grado di ricevere queste informazioni.
I dati forniti possono essere utilizzati solo dagli utenti Internet per motivi puramente informativo e non sono affatto legati alla sicurezza della navigazione.
Le informazioni fornite possono essere incomplete, obsolete o contenere errori e non sostituiscono l’apparecchiatura di bordo.